Verrebbe da dire "c'era una volta la serie C", quella caratterizzata da tanti derby, squadre con i conti in ordine, con gli stadi pieni e formazioni con tanti giovani di belle speranze.

Oggi la gestione di questa categoria, da parte dei dirigenti della lega pro, fa acqua da tutte le parti. Questo campionato è iniziato con notevole e colpevole ritardo, ci sono stati molti ricorsi per i ripescaggi in serie B che hanno coinvolto non poche squadre. Un balletto ridicolo e imbarazzante del quale avremmo fatto volentieri a meno. Ogni anno gloriose società sono costrette ad ammainare la bandiera travolte da cattive gestioni e da costi che, a questo livello del calcio professionistico, diventano sempre più insostenibili. In tutto questo poco entusiasmante quadro generale mancavano solamente le squadre B delle grandi società del massimo campionato. L'unica ad aver accettato, dopo essere stata tirata per i capelli, è la Juventus. Le altre hanno rinunciato dicendosi ancora non pronte per questa discutibile avventura. Le squadre B non hanno seguito di pubblico, non hanno tradizione alle spalle in questa categoria, rischiano di falsare il campionato e quindi di togliere interesse e visibilità alla serie C. La Juventus U23 ha fin qui deluso, sette punti in sei partite, due vittorie, un pareggio e tre sconfitte. Non bene per una squadra fatta da giocatori giovani che hanno ingaggi da sogno per la categoria. Giovedì ad Alessandria non sarà facile per i bianconeri avere la meglio di un Arezzo che invece è una società che è portata come esempio da seguire in serie C. Squadra giovane, sapientemente costruita dal direttore generale Ermanno Pieroni e dal direttore sportivo Emiliano Testini. Ingaggi contenuti e conti in ordine dopo la burrasca dello scorso campionato. Ad allenare gli amaranto Alessandro Dal Canto, un tecnico che quasi sempre ha lavorato con i giovani e con ottimi risultati. L'Arezzo è secondo in classifica con 11 punti, ma rispetto alla Juventus ha una partita da recuperare. In cinque partite non ha mai perso, collezionando 3 vittorie e 2 pareggi. Il dato ancor più interessante è che gli amaranto fino ad oggi hanno subito un solo gol. Dal Canto ha fatto un ottimo lavoro, la squadra gioca la palla a terra con azioni manovrate e allo stesso tempo bada molto al sodo. Assisteremo sicuramente ad una partita equilibrata che entrambe le squadre giocheranno per vincere, però se dobbiamo scommettere puntiamo sull'entusiasmo travolgente dell'Arezzo rispetto alla Juventus, che ha un notevole tasso tecnico ma che sta pagando l'inesperienza in un campionato difficile e complicato come quello di serie C. La nostra scelta è la seguente: X2+Under 3,5. La quota non è niente male: 1,83. Fiducia agli uomini di Dal Canto.