L’Arezzo insegue la salvezza diretta senza passare dai playout, impresa che fino a poche settimane fa, tra crisi societaria e rischio fallimento, sembrava davvero impossibile.

Ad oggi se non avesse i punti di penalizzazione gli amaranto sarebbero a quota 46, in piena zona playoff. I valori tecnici della squadra di Pavanel sono medio/alti ed è opinione comune che se avesse avuto una società solida alle spalle sarebbe a giocarsela per le prime posizioni. Sabato pomeriggio c’è il derby con il Pisa, una gara che Moscardelli e compagni non vogliono e non devono sbagliare. Vincere per migliorare la classifica e continuare a sognare una salvezza diretta. Male che vada l’Arezzo disputerà i playout, con la speranza di giocarseli da terz’ultima o quart’ultima e quindi in posizione di enorme vantaggio rispetto alla diretta avversaria. Il Pisa chiuderà ad Arezzo la stagione perché l’ultima giornata riposerà. La squadra di Mario Petrone si presenterà ad Arezzo senza due squalifiche programmate, Eusepi e Gucher erano sotto diffida e si sono fatti ammonire per scontare la squalifica ed evitare assenze pesanti nei playoff. I nerazzurri non possono migliorare o peggiorare il loro piazzamento finale, chiuderanno al terzo posto, quindi ci aspettiamo che qualche leader venga fatto riposare per evitare infortuni in una gara che conta meno di niente. Sorprende la quota del segno 1 che ad inizio settimana era a 3,00 e adesso è scesa a 2,70. Secondo noi è una quota alta, da prendere al volo. Nel calcio le motivazioni sono fondamentali, l’Arezzo è obbligato a vincere, il Pisa pensa già ai playoff. L’Arezzo, nel match d’andata, portò via l’intera posta in palio dall’Arena Garibaldi con Moscardelli grande protagonista con una splendida doppietta. Fiducia agli Amaranto e mi raccomando: giocate il segno 1 prima che scenda ulteriormente.